gratis3

6 - Operatività pratica

1ottDopo tanta teoria è venuto il momento di vedere un pò di pratica. Se il battleplan è stato centrato bene, le possibilità di errore sono veramente ridotte ed in genere sono sempre ampiamente gestibili limitando le perdite al minimo. Prediamo come esempio i grafici seguenti relativi ad un ciclo denominato "E" della durata di 390 ore circa.  Il battleplan che lo analizza, individua una struttura principale a 3 tempi dove i sotto cicli (figli) sono identificati con le lettere progressive "E1, E2 ed E3". Osservando ora la geometria del ciclo E (Padre), è evidente che si tratti di un ciclo rialzista e come tale la chiusura avviene a valori più elevati rispetto alla sua partenza. Passando adesso ai sotto cicli, possiamo identificarne 2 che rispettano geometria rialzista, E1 ed E2, mentre E3 è invece sostanzialmente ribassista, quindi riassumendo abbiamo un ciclo E a 3 tempi rialzista,  composto da sotto cicli di cui 2 rialzisti ed 1 ribassista

padre1Immaginiamo ora di non conoscere l'intero evolversi del grafico e di  trovandoci con una posizione aperta in acquisto ad inizio ciclo E, e con le quotazioni come da grafico a lato. La situazione potrebbe stimolare una decisione di vendita, infatti il  gain è decisamente buono,  ma come indicano le regole cicliche  in caso di cicli rialzisti, quest'ultimi  tendono a rimanere tali per oltre il 50% del tempo, per cui potremmo prendere in considerazione l'ipotesi di non chiudere l'operazione. Manteniamo aperta la posizione... e proseguiamo. 

padre2Il quadro sembra mantenersi positivo, il gain aumenta e tutto procede come da progetto. Considerato che anche il sotto ciclo E2 è rialzista, il successivo ciclo E3, per quanto possa essere contro tendenza, non porterà le quotazioni  sotto al punto di partenza dell'intero ciclo E azzerando quindi  i nostri guadagni o peggio ancora portandoci in perdita. Le regole in oltre ci dicono che un ciclo ribassista ha la caratteristica di formare il suo massimo nelle prime fasi per poi rompere a ribasso il punto di partenza entro breve.  Le scelte possibili sono quindi 2:  1. uscire a fine ciclo E, perdendo eventualmente qualcosa,  ma se il successivo E3 non fosse ribassista potrei incrementare i guadagni... mi dimentico del mio investimento per un pò e vediamo !!!!  2. gestire la posizione in maniera attiva seguendo da vicino il nuovo ciclo E3 con l'aiuto anche della trend line tracciata... seguo il mio investimento, meglio capitalizzare il massimo !!!

padre3La scelta che faremo sarà legata essenzialmente al tempo che possiamo dedicare al trading ed alle nostre aspettative, ma comunque sia,  il battleplan ci consente di gestire entrambe le situazioni fornendoci i tempi e le modalità più adatte per lavorare in tranquillità. Vediamo come procedere. Scegliamo di seguire da vicino il trade e di non perderci nemmeno un tick.Tenendo presente  il grafico di sinistra,  posiziono il mio punto d'uscita esattamente dove la trend line viene tagliata dalla linea orizzontale tracciata dal punto di partenza del sotto ciclo E3. Infatti se venisse rotta la partenza ciclica,  il trend di E3, nella miglior delle ipotesi, sarebbe laterale per non dire ribassista; in questo caso quindi devo uscire rapidamente e senza indecisioni dal trade e godermi il gain. Purtroppo il sotto ciclo E3 si dimostra effettivamente ribassista, le quotazioni scendono e fanno scattare la vendita. Il gain è buono e considerato la successiva evoluzione, migliore di quello che avrei potuto avere uscendo a fine ciclo E.

Cosa ci portiamo a casa da questa esperienza di TRADING CICLICO:

  1. il ciclo superiore (padre) comanda sui sotto cicli (figli) determinando il trend di fondo.
  2. i sotto cicli, pur andando contro il trend del ciclo superiore non ne modificano la geometria, se ciò accadesse il battleplan non è centrato e l'analisi è sbagliata.
  3. i cicli rialzisti, in genere,  permangono tali per oltre il 50% del tempo
  4. i cicli ribassisti, in genere,  tendono a dare il massimo assoluto entro il 25-30% del tempo
  5. le regole vanno rispettate sempre
  6. il battleplan offre soluzioni strategiche decisamente flessibili.
1ott
1ott
29 apri3
29 apri3
btp centrato
btp centrato
btp no centrato
btp no centrato
did1
did1
geometria
geometria