gratis3

5 - L'analisi Scalare: il più grande comanda.

btp centratoL'analisi scalare è una metodologia molto semplice ma al contempo molto potente che ci permette di centrare il Battleplan e renderlo preciso sia sui grandi cicli che su quelli minori. La tecnica si basa sul principio de "Il Padre Comanda", il quale definisce che i sotto cicli (figli), formanti il ciclo superiore (padre), sono soggetti a quest'ultimo, per cui anche laddove emergano sotto cicli con geometrie in disaccordo con quella del ciclo superiore, tale condizione sarà limitata al sotto ciclo stesso e non altererà la geometria del ciclo superiore o padre. Tradotto in altri termini, se il ciclo superiore ha una geometria ribassista, saranno possibili sotto cicli rialzisti, ma quest'ultimi non influiranno sulla geometria del ciclo padre. 

A questo punto possiamo centrare il battleplan partendo dall'individuazione dei grandi cicli per poi scendere progressivamente nel dettaglio di quelli minori. Individuare i cicli maggiori, non è un operazione complessa e ne tanto meno necessita del battleplan, ma può essere con un semplice righello direttamente sul monitor del pc avendo presente le seguenti regole generali:

 

  1. misurare le distanze tra i principali ribassi
  2. confrontare le misure ottenute e verificare se a grandi linee sono simili
  3. individuata la distanza che meglio si adatta, suddividiamola in due parti ed usiamo una metà parte come minimo denominatore per i sotto cicli.
  4. individuati i sotto cicli, possiamo nuovamente dividere in due la misura usate per procedere con sotto cicli di ordine ancora minore.
  5. proceder come sopra fino al livello ciclico desiderato.   

Se tutto è stato impostato bene fin dal primo punto, anche scendendo ad un livello di dettaglio importante, tutto s'incastrerà alla perfezione come i pezzi di un puzzle. In caso contrario saranno evidenti geometrie non coerenti  o strane a tal punto da distorcere completamente il quadro complessivo. 

Esempio di centratura:

Battlaplan non centrato

Secondo il principio appena enunciato, il trend di fondo è definito dal ciclo superiore.Se osserviamo la figura a lato, il trend generale è sostanzialmente in rialzo, ma il battleplan così centrato non coincide con la visione di fondo. Le quotazioni del ciclo E, dopo  un iniziale picco fanno registrare la  rottura del punto di partenza. In questa situazione dovremmo pensare ad un ciclo E ribassista, ma proseguendo con l'analisi  i dubbi sorgono quando le quotazioni rompono il massimo ciclico appena  evidenziato, dando origine ad una geometria completamente  sballata. Il ciclo E, così come evidenziato, non è rialzista, ne è ribassista e ne tanto meno neutro; in oltre centrando i cicli in questo modo, anche la chiusura ciclica non combacia assolutamente con i tempi definiti dal battleplan come invece dovrebbe essere.

Vediamo ora come poter centrare meglio il battleplan e trovare il giusto incastro.

battleplan centrato

Tenendo presente che i cicli principali sono delimitati dai ribassi principali, cerchiamo di far combaciare i minimi importanti del grafico con quelli del battleplan sottostante, oppure viceversa, cerchiamo un durata ciclica del battleplan che possa adattarsi a ciò. Nella figura accanto è possibile vedere che, modificando il settaggio del battleplan, esiste una durata ciclica capace di adattarsi bene ai minimi importanti evidenziando chiaramente sia il ciclo  D  che il ciclo E. La centratura così ottenuta è coerente e rispetta le regole appena tracciate. Per esempio possiamo osservare che: 1) nonostante il sotto ciclo centrale del ciclo E ed il successivo non siano rialzisti, la geometria di E non viene alterata mantenendosi rialzista. 2) i minimi, a tutti i livelli di dettaglio,  combaciano bene con quelli descritti dal battleplan. 3) la struttura nel suo complesso, D+E+F, risulta ben sincronizzata.

...il puzzle è completo, centratura ok, il futura sarà descritto dal battleplan in maniera affidabile.

 

1ott
1ott
29 apri3
29 apri3
btp centrato
btp centrato
btp no centrato
btp no centrato
did1
did1
geometria
geometria